Multe ZTL a Palermo

CONDIVIDI ARTICOLO SU:

Con l’O.D. n. 485/2017 Il Comune di Palermo ha istituito nel centro del capoluogo siciliano le zone a traffico limitato, ossia zone urbane nelle quali è possibile accedere e circolare con la propria autovettura solo se titolari di un pass di accesso a pagamento.

Il perimetro della Ztl istituita dal Comune di Palermo si estende da Via Cavour a Via Lincon e da Porta Nuova a Porta Felice ed è attiva dalle 8.00 alle 20.00 dal lunedì al venerdì, il sabato dalle 8.00 alle 13.00.

Dal 10/10/2017, data della sua entrata in vigore, migliaia sono stati i cittadini palermitani fotografati dalle telecamere collocate nei diversi varchi di accesso e dunque multati.

Il codice della strada, infatti, disciplina con gli art. 7 c. 9 e 14 gli ingressi illegittimi nella zona a traffico limitato, con sanzioni pecuniarie da  € 84 fino ad € 335.

Nel caso del Comune di Palermo la sanzione prevista è pari ad € 93,89.

Nel corso degli ultimi mesi migliaia di automobilisti palermitani hanno ricevuto decine di verbali per aver circolato all’interno della Ztl senza regolare pass.

Le violazioni commesse non essendo state immediatamente contestate, non solo sono state notificate al presunto trasgressore successivamente a distanza di molto tempo, ma anche dopo aver reiterato numerosi accessi “abusivi” nella zona a traffico limitato, causando così un notevole danno economico per l’ignaro automobilista.

Orbene, secondo le disposizioni vigenti, i verbali hanno natura rieducativa e in quanto tale, dunque, devono essere tempestivamente comunicati al trasgressore che, una volta edotto dell’errore non porrà più in essere la condotta illecita.

Lo Studio Legale Romano, dopo un’accurata analisi della situazione, ha avviato un’azione legale al fine di chiedere l’annullamento dei verbali in questione. L’autorità competente individuata dallo Studio è il Prefetto di Palermo, dinnanzi al quale si può istruire il procedimento entro 60 giorni dalla notifica del verbale.

Lo Studio Legale Romano, offre consulenza per analizzare singolarmente ogni caso e laddove vi siano i presupposti presentare i relativi ricorsi per chiedere l’annullamento dei verbali.

CONDIVIDI ARTICOLO SU:
1 commento
  1. valeria la bella dice:

    Ho contattato l’Avv.Romano e mi ha gentilmente dato delucidazioni circa la mia situazione in maniera professionale e molto cordiale.Complimenti.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *